LA STORIA DELL'

L'Orchestra Mozart

L’Orchestra Mozart è una compagine d’eccellenza giovane e internazionale ed è una realtà unica nel panorama italiano: nata intorno al pensiero musicale di Claudio Abbado, suo fondatore e direttore artistico per dieci anni, ha costruito la sua identità affiancando grandi solisti e prime parti di prestigiose orchestre a giovani talenti provenienti da ogni parte del mondo, creando occasioni di incontro e passaggio di esperienza e conoscenza tra artisti di generazioni diverse.

L’Orchestra Mozart è nata a Bologna nel 2004, come progetto speciale dell’Accademia Filarmonica di Bologna, da un’idea di Carlo Maria Badini e Fabio Roversi-Monaco, con l’apporto determinante della Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna. Nel 2014 l’Orchestra ha sospeso le proprie attività in seguito alla scomparsa del Maestro Abbado e nel 2016, in occasione dei 350 anni dell’Accademia Filarmonica, rinasce con la campagna di crowdfunding Orchestra Mozart Risuona, che ha coinvolto più di mille donatori proponendo numerosi eventi in tutta Italia, tra Mantova, Roma, Milano e Bologna. In particolare a Bologna sono stati realizzati due importanti concerti nei due luoghi più rappresentativi della città: Piazza Maggiore, il 5 luglio 2016 in collaborazione con la Cineteca di Bologna, e Biblioteca Salaborsa, il 13 dicembre 2016 in collaborazione con il Comune di Bologna, a testimonianza del fatto che il legame dell’Orchestra con la sua città e il suo tessuto sociale vuole essere sempre più forte.

Nei suoi dieci anni di attività, l’Orchestra Mozart ha suonato nelle più importanti sale da concerto d’Italia e d’Europa, prime fra tutte il Musikverein di Vienna e il Teatro alla Scala di Milano. Ha collaborato, inoltre, con grandi istituzioni come l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia a Roma, il Teatro San Carlo di Napoli, la Fenice di Venezia, il Carlo Felice di Genova, il Massimo di Palermo; e poi ancora con il Ravenna Festival, il Lucerne Festival, il Concertgebouw di Amsterdam, il Salzburg Festival, la Salle Pleyel di Parigi, il Palais de Beaux Arts di Bruxelles, l’Alte Oper di Francoforte, l’Auditorio Nacional di Madrid e la National Concert Hall di Budapest. Ha inciso anche numerosi album con Deutsche Grammophon che hanno ricevuto prestigiosi riconoscimenti.

Le produzioni dell’Orchestra Mozart hanno visto la partecipazione di solisti di fama internazionale come Martha Argerich, Alfred Brendel, Mario Brunello, Giuliano Carmignola, Enrico Dindo, Isabelle Faust, Hélène Grimaud, Natalia Gutman, Rachel Harnisch, Jonas Kaufmann, Julia Kleiter, Alexander Lonquich, Radu Lupu, Sara Mingardo, René Pape, Maria João Pires, Maurizio Pollini, Vadim Repin, Yuja Wang.

Accanto al grande repertorio sinfonico l’Orchestra Mozart ha sempre coltivato un animo cameristico e sin dalla sua prima produzione la musica da camera ha avuto un ruolo centrale nella sua attività. È nella natura di questa compagine esercitare anche in formazione completa quell’arte dell’ascolto, dello studio e della condivisione indispensabili nella musica da camera: in linea con questa idea artistica, frutto del pensiero musicale di Claudio Abbado, la programmazione dell’Orchestra Mozart non ha mai trascurato il repertorio cameristico, proponendo concerti per organici variabili, dal trio all’ottetto, a cui hanno partecipato di volta in volta i diversi musicisti dell’orchestra tra cui Alessandro Carbonare, Giuliano Carmignola, Guilhaume Santana, Jacques Zoon. Con i Solisti dell’Orchestra Mozart hanno collaborato, negli anni, importanti artisti come Guy Braunstein, Bruno Canino, Till Fellner e Ingrid Fliter.


Ascolta l'OM su Spotify